Area riservata

Inserisci i tuoi dati di accesso. Se non li possiedi premi su "Registrati" per iniziare la procedura di creazione account. Attenzione: se sei già registrato in uno dei servizi on line di AccMed (www, fad, ASKit, KeyTrials, KeySlides, ASAP, …) puoi utilizzare i dati di accesso già in tuo possesso.

L’alimentazione è fondamentale nella lotta contro il cancro. Non esistono cibi che prevengono il tumore, ma un corretto stile alimentare che aiuta a evitare l’insorgenza della patologia. Cibi di stagione, tre pasti fondamentali, frutta e verdura in quantità sono preziosi alleati.

Gli antichi dicevano che “siamo quello che mangiamo”. Nel piatto, non solo il piacere di gustare sapori, ma anche e soprattutto quello di nutrirci con alimenti che fanno bene al nostro corpo. L’alimentazione gioca un ruolo importante nella prevenzione del tumore.

Ma che cosa dobbiamo mettere nel piatto per evitare di ammalarci? La piramide alimentare ci ricorda che bisogna mangiare frutta e verdura in abbondanza, ridurre grassi e proteine di origine animale, privilegiare cibi ricchi di vitamine e di fibre. Poca, pochissima carne rossa e salumi; ben vengano pane, pasta e riso, meglio però quelli integrali. Non dimenticate poi di portare in tavola i legumi, gustosi e salutari, che si possono adattare a ricette estive e invernali.

Poca carne ma tanto pesce: per esempio sardine e salmone sono ricchi di omega-3, ottimi per prevenire non solo le patologie oncologiche ma anche quelle cardiovascolari.

Naturalmente un ruolo importante lo ricopre il condimento: addio al burro, molto meglio l’olio extravergine d’oliva (a crudo). Per insaporire lasciate il sale nella credenza e convertitevi alle spezie come per esempio curry e zenzero. Oppure insaporite con i più nostrani prezzemolo e basilico, aglio e cipolla. Limitate anche il consumo di formaggi grassi, prediligendo lo yogurt.

Attenzione anche ai tipi di cotture: ormai è risaputo che la cottura alla griglia è controindicata, sono altrettanto gustose e salutari quelle al cartoccio e a vapore.

Per quanto riguarda frutta e verdura avrete solo l’imbarazzo della scelta: lustratevi gli occhi sulle bancarelle del mercato o nel reparto ortofrutta del supermercato. Vi innamorerete di quei colori e di quei profumi, ma nel carrello mettete solo prodotti di stagione. Non andate nell’angolo delle primizie: non serve portare a tavola le fragole a Natale, molto meglio e più salutare il melograno. Arance, uva e frutti di bosco sono condensati di sostanze antiossidanti, le verdure a foglia verde sono ricchi di folati, quelli gialli e arancioni hanno potere antiossidante. Non fatevi mai mancare (soprattutto voi maschietti) il pomodoro: ricco di licopene protegge dal tumore alla prostata. Non tutti li apprezzano, ma nella famiglia dei cavoli è possibile trovare importanti alleati: cavolfiore, verze e cavolini di Buxelles sono bombe di salute.

Attenti anche a quello che versate nei vostri bicchieri. Siamo fatti per circa il 60% da acqua, quindi è fondamentale bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno. Van bene, soprattutto d’estate, anche succhi, spremute, frullati e centrifughe. Non comprateli però al supermercato, affidatevi al fai da te. Molto più salutari e senza zuccheri aggiunti. Anche il thé verde ha proprietà anticancro e se questo inverno decidete di concedervi una cioccolata calda non sentitevi in colpa: contiene un’alta percentuale di antiossidanti, ancora maggiore rispetto a quella presente nel thé verde. Naturalmente evitate di aggiungervi zucchero e panna montata.

Non solo è importante cosa viene messo nel piatto, ma è fondamentale riorganizzare anche la giornata: pessima abitudine saltare i pasti, soprattutto la colazione vero carburante per iniziare al meglio la giornata. Dobbiamo trovare il tempo di mangiare, e di mangiare correttamente, non facendoci mai mancare cinque porzioni giornaliere di frutta e verdura.

Imparare a mangiare in modo sano e corretto è fondamentale. Il rito della tavola non deve essere assolutamente soppiantato dalla frenesia della vita di tutti i giorni. Riscoprite il valore della convivialità, della scelta delle materie prime, dell’attenzione alla preparazione e alla cottura. Vi ringrazierà il vostro corpo e anche i vostri commensali.


 

Grazie al contributo di Novartis