Breast Cancer Academy
Una piattaforma web dove trovare informazioni sempre aggiornate sui temi di maggiore attualità sul trattamento del carcinoma della mammella

In primo piano

La metanalisi è stata condotta per valutare l'effetto prognostico delle mutazioni a carico di PIK3CA tra le pazienti affette da carcinoma mammario recettori ormonali positivi/HER2 negativo (HR+/HER2-) metastatico.
Il carcinoma mammario metastatico (MBC) a oggi è una malattia inguaribile. Le pazienti affette da MBC hanno un tasso di sopravvivenza mediano a 5 anni pari al 26%. Le scelte terapeutiche sono guidate dalla valutazione delle caratteristiche biologiche in immunoistochimica quali l’espressione del recettore per l’Estrogeno (ER+) e per il Progesterone (PgR+) e la sovraespressione di HER2 (Human Epidermal Growth Factor Receptor 2) o la sua amplificazione genica.
Il ruolo della radioterapia postoperatoria dopo terapia sistemica primaria (PST) nel tumore mammario operabile è ancora da definire e chiarire, anche alla luce del miglioramento degli outcome clinici ottenuti dalle terapie sistemiche in continua evoluzione.
Lo studio multicentrico randomizzato di fase III TROPiCS-02 ha valutato l’anticorpo coniugato sacituzumab govitecan (SG) rispetto alla chemioterapia a scelta dello sperimentatore nella popolazione affetta da carcinoma mammario recettori ormonali positivi/HER2 negativo (HR+/HER2-) localmente avanzato inoperabile o metastatico pretrattato con terapia endocrina, CDK4/6 inibitore e da due a quattro linee di chemioterapia (fra cui un taxano).

LE DIAPOSITIVE DI BCA

NEW
NEW | La biblioteca di diapositive su tematiche di interesse per l'oncologo. Ogni kit è composto da diapositive riutilizzabili, ridisegnate secondo un layout grafico personalizzato

ULTIMO AGGIORNAMENTO

CDK 4/6 inibitori nel setting (neo) adiuvante

di Giovanna Garufi | Gennaio 2022
Più del 90% delle diagnosi di carcinoma mammario luminale avviene in una fase precoce di malattia, potenzialmente curabile tramite intervento chirurgico e terapia citotossica e/o endocrina adiuvanti. Sebbene la terapia endocrina adiuvante riduca sensibilmente il rischio di metastasi e morte, recidive locoregionali o a distanza possono verificarsi in circa il 20% delle pazienti fino a 20 anni dopo il trattamento del tumore primario.

Vai alle diapositive

BCA on Twitter

I dubbi di Marta
Gli esperti di BCA rispondono ai dubbi e alle domande che spesso si pongono le donne alle quali è stato diagnosticato un tumore al seno


Vai al canale